Skip to content

Twitter è un social network site? Cosa ci fanno le star? Qualche riflessione

30 novembre 2011

by @fcomun

Da qualche tempo, e con intensità crescente negli ultimi giorni, numerosi osservatori si interrogano sulle trasformazioni che sta vivendo Twitter in Italia. Interessante, in tal senso, è il contributo di Massimo Mantellini, che sostiene che Twitter stia perdendo le caratteristiche di un social network per diventare un sistema di spargimento di notizie.

Il dibattito, che accompagna una veloce crescita di popolarità di Twitter in Italia (descritta anche da Riccardo Luna su Repubblica), è stato innescato dalla crescente presenza, all’interno di Twitter, di star generaliste (e, conseguentemente, dei loro fan), che ha allarmato molti degli utenti di più vecchia data. Tra i numerosi contributi in proposito, trovo interessante l’analisi di Giovanni Boccia Artieri. Il nostro punto di vista sul più ampio rapporto tra televisione e Twitter è contenuto nel post precedente.

Ma facciamo un passo indietro. Da più parti ci si chiede se Twitter sia o meno un social network site (SNS), o se lo sia stato in passato e oggi non lo sia più, proprio a causa delle (troppe) star generaliste che lo popolano. Il primo passo che posso fare per tentare di contribuire al dibattito è recuperare la definizione di social network sites più utilizzata dagli studiosi a livello internazionale e verificare se Twitter possa essere ricondotto al suo interno.

In un citatissimo articolo del 2007, danah boyd e Nicole Ellison affermano che un SNS è “un servizio che consente all’utente di:

  • costruire un profilo pubblico o semi-pubblico

  • creare una lista di utenti con cui condivide una connessione

  • vedere e attraversare le liste di connessione”

Stando a questa definizione, possiamo certamente affermare che Twitter è un SNS (l’unico elemento che lo allontana dalla definizione citata è che le studiose, nel 2007, facevano riferimento a servizi “web-based”, non potendo prevedere il massiccio spostamento delle pratiche d’uso a ridosso delle App).

Ma forse questa è una risposta troppo sbrigativa e troppo ancorata ai formalismi, come lo sarebbe il richiamo alla più puntuale definizione di “microblog”. Dietro la riflessione di questi giorni su Twitter/SNS c’è senza dubbio la preoccupazione che la piattaforma stia diventando eccessivamente “pop” o “mainstream”, troppo “simile a Facebook”. Il che richiama la diffidenza di vecchia data che gli utenti di Twitter (quando sono su Twitter) mostrano nei confronti della superficialità e, appunto, del generalismo attribuiti a Facebook (emblematici in tal senso, ai tempi di Vieni via con me di Fazio e Saviano, i numerosi tweet che suggerivano “FB=Grande fratello e Twitter= Vieni via con me” o che chiosavano i contenuti “alti” della trasmissione – e del relativo flusso di tweet – con “E intanto su Facebook coltivano patate su Farmville”).

A poco vale ricordare che Facebook ci mostra ciò che i nostri contatti condividono (non siamo esposti ai “contenuti di Facebook” ma, in larga misura, ai contenuti che i nostri contatti decidono di condividere su Facebook): dalla scelta degli “amici” di FB deriva gran parte della “qualità” (comunque la vogliamo intendere) dei “contenuti” di FB.

 Ma torniamo alla domanda iniziale: Twitter è un SNS? O la presenza così numerosa delle star ne ha snaturato la natura orizzontale e democratica, rendendolo qualcosa di diverso? Sollecitata dalle osservazioni di Stefano Epifani al post di Mantellini, un paio di giorni fa ho scritto, certo un po’ sbrigativamente, che “la topologia dei social network (on- e offline) si regge su hub. Altra storia è dialogo vs diffusione informazioni”. Lo spazio di un tweet mi imponeva di sintetizzare al massimo, provo a spiegarmi meglio. La social network analysis e la scienza delle reti hanno mostrato che gran parte delle reti sufficientemente estese (sociali, ma anche tecnologiche) non hanno una distribuzione “democratica” dei link al proprio interno. In termini tecnici, queste reti vengono definite “a invarianza di scala”. Semplificando un po’, possiamo dire che si tratta di reti in cui pochi hub hanno un elevatissimo numero di link, mentre la maggior parte dei nodi ha un numero di link molto inferiore. Questo principio, tra le altre cose, è alla base della nota ipotesi delle “reti piccolo mondo”, nota anche come “sei gradi di separazione” (recentemente “scesi” a quattro, limitatamente al social network dei contatti Facebook). Si tratta di un principio che è stato rilevato nei network sociali offline (i contatti/amicizie nel mondo fisico), nelle reti tecnologiche (al punto da portare Barabasi, noto esponente della scienza delle reti, ad affermare che il web non è democratico, proprio perché è composto da pochi hub molto interconnessi e da moltissimi nodi poco interconnessi – il fenomeno è ancora più macroscopico se combinato con i criteri di indicizzazione dei siti web da parte di Google, centrati proprio sulla lik analysis come criterio di attribuzione di rilevanza), nelle reti neurali, nelle catene alimentari di molti ecosistemi, ecc.

Anche la topologia di Facebook rispecchia questa architettura (solo parzialmente bilanciata dal fatto che la piattaforma impone un numero massimo di amici per i profili personali). Per fare un esempio concreto, molti di noi avranno pochi “amici” che raggiungono il tetto massimo di 5000 contatti e tanti “amici” con un numero molto inferiore di contatti (poche centinaia).

Cosa cambia allora con Twitter? Come hanno osservato in molti, la natura asimmetrica della relazione (non c’è bisogno di reciprocità, si può seguire qualcuno senza che questi a sua volta ci segua), ma anche la valenza simbolica dei termini utilizzati (“follower/following”, invece del “friend” di FB) paiono facilitare una distribuzione diseguale dei contatti. Non è un caso che le “twitstar” fossero presenti su Twitter ben prima dell’ingresso di star del mondo dello spettacolo. Certo le star mainstream accelerano e amplificano questi processi, soprattutto quando adottano (e stimolano nei loro follower) stili di presenza online assai distanti da quelli sin qui consolidati (ricordo però che in tempi non sospetti Laura Pausini era il profilo italiano con più follower, seguita dal Milan).

Ma anche qui è necessario un (ultimo) passo indietro. Ci stiamo chiedendo cosa sia realmente Twitter. Ogni tecnologia (e ancor più una tecnologia social) “è” il risultato della complessa interazione tra le sue caratteristiche strutturali (in termini di vincoli e opportunità all’azione, ciò che posso e ciò che non posso fare con la tecnologia) e le pratiche d’uso intersoggettivamente definite dagli utenti. Questi ultimi sono vincolati dalle caratteristiche strutturali della piattaforma, ma possono anche piegarla a usi imprevisti (la storia delle tecnologie della comunicazione è piena di esempi, primo tra tutti l’sms, nato praticamente “per caso”). Su Twitter, come ricordava Luca Rossi, l’hashtag è un chiaro esempio di innovazione dal basso; così come il tasto “retweet” (molti ricorderanno il periodo in cui il retweet veniva fatto “a mano”, digitando appunto “RT @utente ecc.”). Se osserviamo i social media, questi processi sono in costante evoluzione (sia sul piano tecnologico, sia rispetto alle pratiche d’uso), nulla è davvero stabilizzato.

Twitter cambierà ancora, come è cambiato negli ultimi anni, come è cambiato Facebook dall’estate del 2008, in cui da alcune centinaia di migliaia di utenti si è superato il milione (si vedano i grafici di Vincenzo Cosenza). Probabilmente si affermeranno stili di utilizzo differenti, non senza ampie aree di sovrapposizione e di ibridazione. Chi osserva con allarme questa evoluzione troverà senza dubbio nuove forme per garantire la sua legittima aspirazione a mantenere uno stile il più possibile orientato al dialogo, ritagliandosi gli spazi per conversare solo con alcune categorie di utenti e su temi specifici. E forse le star, almeno quelle più avvedute, si faranno almeno in parte contaminare dalle regole del gioco stabilite sin qui dagli utenti (italiani) di Twitter. Quel che è certo è che sarà molto interessante osservare la mutazione in corso.

Update

La discussione online continua: segnalo l’ottimo post di Stefano Epifani, che risponde in modo puntuale a Mantellini e, tra gli altri spunti interessanti, ribadisce la differenza tra social network e social network site; e quello di Giovanni Boccia Artieri, che tiene magistralmente insieme il dialogo con il mondo twitter e i riferimenti scientifici (offrendo un denso update frutto del dialogo online). Interessante anche il post di Diletta Parlangeli. Nel frattempo, Vincenzo Cosenza ci offre l'(attesissima) analisi dei dati su Twitter in Italia. E Luca Rossi riflette in modo puntuale sulle metriche e sui limiti dell’analisi, sollevando questioni centrali (tra tutte, la mappatura delle hastag conversation), che meritano certamente tutta la nostra attenzione.

Annunci
17 commenti leave one →
  1. 4 dicembre 2011 21:00

    riporto qui il mio commento lasciato anche su altro blog:

    secondo Shirky (2008), gli strumenti sociali si basano su 3 regole:
    promessa (è il perché, qualcosa che si può mantenere)
    strumento (è il come, ciò che definisce il genere di relazione)
    patto (le regole del gioco).
    La fama invece può essere definita come uno sbilanciamento tra attenzione in entrata e in uscita, quando si scrive per migliaia di persone, diventa difficile scegliere chi ascoltare e chi ignorare, alla lunga la tendenza diventa quella di ignorare. Si è così diventati famosi. l’egualitarismo è quindi possibili solo in piccoli sistemi sociali. Quando lo strumento perde dimensionalmente la possibilità di interscambio paritario, smette di essere social. Molti dei personaggi famosi che scrivono su twitter, non lo fanno in una logica social. Twitter può essere social oppure no, a seconda dell’uso che se ne fa.

  2. 24 aprile 2013 13:12

    Whenever you pick up a magazine or a newspaper, there it is, too.
    We all constantly try to offer outstanding details by means of courses forthe online community.

    Even experienced players who have come to be very
    knowledgable with their favorite online space game can benefit from the forums.

  3. 5 maggio 2013 07:12

    As such, online college peer feedback is one of the most important teaching tools that
    the online learning provider possesses. Also, you can find some other sites that may be the most interactive, fun and funky one.
    What is an online community and how is it relevant to my
    business.

  4. 5 giugno 2013 08:17

    I got this web page from my friend who shared with me concerning this website
    and at the moment this time I am browsing this website
    and reading very informative posts here.

  5. 18 luglio 2013 07:17

    You really make it seem really easy together with your presentation
    however I find this matter to be actually one thing that I think I’d by no means understand. It seems too complicated and extremely broad for me. I’m
    taking a look ahead in your subsequent put up, I will try to get the
    hold of it!

  6. 28 luglio 2013 08:06

    Can you envision that?

  7. 28 luglio 2013 18:51

    I read this paragraph fully about the difference of latest and previous technologies, it’s amazing article.

  8. 31 luglio 2013 01:08

    I’ve been browsing online more than 2 hours today, yet I never found any interesting article like yours. It’s pretty worth enough for me.
    In my opinion, if all website owners and bloggers made good content as you did, the web will be much more useful than ever before.

  9. http://astoriahomes.wordpress.com/ permalink
    2 agosto 2013 12:25

    If you would like to take a good deal from this article then you have to apply such methods to
    your won blog.

  10. 6 agosto 2013 01:27

    According to the FDA, which is amazing for
    the skin. Sitting at your desk with your palm pushed up against your face will get
    perma wrinkle as I like to call it a day. You are retraining your
    muscles. Place over medium heat and cover with a lid for future
    use.

  11. 6 agosto 2013 16:41

    Very soon this website will be famous amid all blog
    visitors, due to it’s fastidious content

  12. 21 agosto 2013 12:24

    Ahaa, its pleasant dialogue about this paragraph here at this blog, I have read all that, so now me also commenting
    here.

  13. 30 settembre 2013 03:37

    Its such as you read my mind! You seem to grasp so much approximately this,
    such as you wrote the book in it or something. I think that
    you just can do with some % to drive the message home a little bit,
    but other than that, this is excellent blog. A great read.

    I will definitely be back.

  14. 1 ottobre 2013 06:06

    I’m really enjoying the theme/design of your web
    site. Do you ever run into any browser compatibility problems?
    A few of my blog readers have complained about my blog not working correctly
    in Explorer but looks great in Opera. Do you have
    any solutions to help fix this problem?

Trackbacks

  1. La trasformazione di Twitter vista da dentro « I media-mondo. La mutazione che vedo attorno a me.
  2. Caro Massimo, stavolta su Twitter non sono d’accordo… | Il Blog di Stefano Epifani
  3. A few words (and links) to start « Networked Sociability

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: